novembre 30, 2017
Condividilo

Anche gli italiani amano il Black Friday

 

Se ne è parlato tanto e finalmente il fatidico 24 novembre, il Black Friday è arrivato. Ma che cosa è successo in questa giornata tanto attesa?

Abbiamo esaminato i dati di vendita 31 retailer italiani attivi sia nel 2016 che nel 2017, con tracker di vendita verificati, e possiamo dire che agli italiani il Black Friday piace sempre di più.

I dati mostrano che le vendite, con un + 252% (+ 165% nel 2016) rispetto alla media mensile di ottobre, hanno fatto un notevole balzo in avanti, e confermano che il Black Friday ha ormai un posto di rilievo nell’ambito delle vendite online. La crescita totale delle vendite (che però include anche quella naturale del retail) è stata del 37% anno su anno.

E sono sempre di più anche gli utenti che fanno acquisti: la conversion rate è passata dal + 57% del 2016 a un considerevole + 70%.

C’è stata una vera e propria impennata degli acquirenti, con un +219% rispetto alla media di ottobre. Un risultato decisamente molto positivo, anche paragonato a quello del 2016 che aveva fatto registrare ‘solo’ un +146%. Crescono anche gli utenti che visualizzano prodotti online (+87%, era + 57% nel 2016).

La febbre da Black Friday è proseguita per tutto il week end, con un significativo picco la domenica (+116%).

Curiosamente, il Cyber Monday non ha ancora fatto del tutto breccia nella mente degli italiani, anche se ha registrato una crescita dell’83% rispetto alla media di riferimento.

Ma con quale dispositivo sono stati fatti gli acquisti durante il Black Friday? Anche qui i dati confermano l’uso sempre in crescita dei dispositivi mobile. Lo share del mobile è stato del 37% durante il Black Friday per salire al 47% durante il weekend, rispetto al 30% e 42% rilevati nel 2016.

Con questi dati di crescita è chiaro che anche in Italia il Black Friday ha sempre maggiore successo e che i retailer devono saper sfruttare sempre meglio questa grande opportunità raggiungendo i clienti lungo tutto il percorso di acquisto, che è tutt’altro che lineare, con messaggi sempre più personalizzati e pertinenti.