luglio 3, 2018
Condividilo

Inizia la stagione estiva! Gli italiani e le vacanze fotografati dal Criteo Summer Travel Report 2018

 

L’estate è arrivata! Avete già programmato le vacanze da tempo o preferite aspettare l’ultimo minuto?

Se appartenete a quest’ultima categoria siete in buona compagnia. Infatti, secondo i dati raccolti nel Criteo Summer Travel Report 2018, durante l’estate le prenotazioni crescono, a livello globale, del 10%.

A partire da fine maggio le prenotazioni registrano una decisa crescita in tutta Europa. In particolare, il mese di giugno è il mese delle prenotazioni in tutto il Sud Europa: il report ha rilevato un aumento delle prenotazioni online del 65% rispetto alla media del quarto trimestre dell’anno precedente. Considerando l’Europa intera la crescita anno su anno è stata del 23%.

E in Italia che cosa succede? E quali sono i comportamenti dei consumatori? Anche l’Italia si allinea con questa tendenza: i dati mostrano un +57% nel giugno 2017, mese che fa registrare il picco delle prenotazioni. Da maggio ad agosto la percentuale di crescita è del 46%.

Tra gli altri paesi europei sono quelli scandinavi a registrare la crescita maggiore con il 77% tra giugno e agosto, mentre la Germania è in controtendenza con solo un +17%.

A trarre i maggiori benefici dalla crescita delle prenotazioni nei mesi estivi sono state le Online Travel Agencies (OTA), che hanno registrato un + 78%. Per quanto riguarda i servizi prenotati, hotel e pacchetti vacanze sono in cima alla classifica e raggiungono il picco in giugno, seguiti da voli e treni.

Analizzando i dati demografici emerge che il 31% delle famiglie con almeno un figlio aspetta i mesi estivi per fare le proprie prenotazioni, ma il 40% le fa con largo anticipo in dicembre. Chi è senza figli, invece, è meno vincolato nella scelta della destinazione e meno sensibile ai prezzi, e tende a concentrare le proprie prenotazioni nei mesi estivi.

Dal report è anche emerso che nel periodo estivo si verifica un’impennata dell’uso dei dispositivi mobile, un dato che conferma la tendenza generale durante tutto l’anno, che vede il mobile crescere da 3 a 10 volte più velocemente rispetto al desktop. Confrontando i dati del quarto trimestre del 2017 con quelli dello stesso periodo dell’anno precedente, il report ha rilevato per il Sud Europa una crescita delle prenotazioni da mobile pari al 46%, contro un +4% di quelle da desktop.

In Italia, il mese di giugno si conferma decisamente favorevole anche per le prenotazioni da mobile, mostrando una crescita di 10 punti percentuali rispetto al quarto trimestre del 2016. Anche in questo caso, a trarre i maggiori vantaggi da questa situazione sono le Online Travel Agencies. Non solo. Nel 2017 il gap tra le OTA e gli altri player del settore si è fatto più marcato a favore delle prime.

Inoltre, fino all’80% delle prenotazioni last minute avvengono su dispositivi mobili anche per pacchetti vacanze, voli aerei, appartamenti e hotel.

Infine si pone sempre di più il focus dei retailer sulle mobile e shopping app, che registrano in Italia un tasso di conversione 3 volte superiore a quello del Web mobile.