Già un milione di visualizzazioni: revisione dei contenuti di Criteo dell’anno 2019

 

Quando noi di Criteo abbiamo avviato il programma di contenuti globali 2017, volevamo pubblicare un blog che aiutasse i marketer a creare gli annunci più efficaci. Condividendo i nostri risultati, frutto dei dati di Criteo, scrivendo sulle strategie pubblicitarie e raccontando fatti legati al settore e ai clienti, il team dedicato ai contenuti di Criteo ha fatto un lavoro straordinario perché questo blog diventi una risorsa per chiunque stia cercano di creare annunci davvero validi.

Per noi, l’anno appena passato è stato eccezionale: l’attività di ricerca di Criteo è apparsa in TV ed è stata presentata in tutto il mondo; abbiamo contribuito a ridefinire le modalità con cui parliamo dei prodotti e dell’azienda e lo stesso blog ha ottenuto quasi un milione di visualizzazioni (955.000 circa). In pratica, ciò rappresenta un incremento del 30% del traffico da un anno all’altro. Altrimenti detto, rispetto al 2017, abbiamo avuto 25.000 visualizzazioni al mese nel dicembre 2017, 57.000 nel dicembre 2018 e 82.000 nel dicembre 2019.

Nel complesso, ecco quello che abbiamo fatto:

  • 50+ post del blog
  • 20+ One-Sheet 
  • 12 Report e Guide
  • 10 Webinar

Grazie al nostro programma globale di contenuti e il nostro lavoro con lo straordinario team di ricerche e data science di Criteo, abbiamo ricavato dati sui diversi periodi di vendita e sui prodotti, condividendoli con i marketer, che hanno potuto così migliorare le loro campagne pubblicitarie. Lavorando fianco a fianco con il nostro team per la localizzazione, siamo stati in grado di offrire contenuti in più di 10 lingue di eventi, presentazioni, workshop e siti Web Criteo. La demand generation e le operazioni di marketing ci hanno consentito di tracciare ogni download e ogni registrazione fino al momento della vendita.

Ecco quello che abbiamo scoperto analizzando i nostri contenuti più popolari:

1. La Gen Z ha sostituito i Millennial

Il nostro post più popolare del blog nel 2019 è stato “I Millennial vs la Gen Z: le 4 differenze che li distinguono”, basato sul nostro Gen Z Report. Il post localizzato del blog giapponese quest’anno ha avuto circa 70.000 visualizzazioni. Il post in inglese ne ha avute più di 7000.

Il team Criteo dedicato ai contenuti lavora a stretto contatto con il team per la localizzazione; ecco la ragione del successo di questo post del blog. Con il 74% del traffico che arriva da Google e il 17% da Yahoo! Japan, possiamo affermare che il post giapponese ha iniziato ad apparire nei motori di ricerca.

Un altro post del blog sulla Gen Z, I social network preferiti dalla Gen Z: YouTube, Instagram, Snapchat, si è posizionato tra i primi 10, con 14.302 visualizzazioni.

2. Formazione + SEO = Grandi numeri

Con quasi 16.000 visualizzazioni, il post L’email di marketing di tipo generale: tassi di apertura, click-through e altro ancora, si è assicurato il secondo posto dopo la versione in giapponese di “I Millennial vs la Gen Z”. Anche questo post SEO-driven è servito per la formazione dei marketer sulle statistiche basilari.

I post di blog educativi hanno un grande ritorno, specialmente se utilizzano la parola chiave appropriata.

Pubblicato ad aprile 2017, Qual è la differenza tra CPC e CPM? è ancora il post che ha avuto più riscontri del blog. Nel 2019, il post del blog in lingua coreana su CPC vs. CPM ha collezionato più di 12.000 visualizzazione, mentre la versione in inglese un numero di poco inferiore.

Un altro post del 2017, 14 acronimi che ogni marketer dovrebbe conoscere, si è piazzato al 4° posto, grazie alla Russia. La versione in lingua russa del post è in Inglese, ma l’URL stesso è in Russo. Questa combinazione ha portato a quasi 10.000 visualizzazioni lo scorso anno. Le città maggiori per questo blog sono Mosca, San Pietroburgo e Kiev.

Il post localizzato per il Giappone, “Qual è la differenza tra remarketing e retargeting?” ha avuto quasi 8.000 visualizzazioni, e un altro post che spiegava il nostro modello di header bidding ne ha ricevute circa 6.000.

Questi post sono una base solida per un maggiore traffico verso il blog. Ottimizzandoli continuamente con nuovi call-to-action e relativi contenuti, facciamo in modo che i post siano sempre freschi e appaiano come la porta d’ingresso per Criteo.

3. Più è specifico, meglio è

Vuoi scoprire un metodo rapido per creare post di sicuro effetto per il tuo blog?

Listicle ed esempi dal mondo reale.

Ecco perché “3 brand di cosmetica dal content marketing impeccabile” è risultato il quinto migliore post dell’anno, con circa 8.600 visualizzazioni.

Il “rigenerante” non fa male. Ci sono molte persone che cercano esempi di marketing per brand di bellezza. Il post che per risultati si è piazzato al 14o posto, “I 10 Account Instagram di brand di bellezza che ci stanno più a cuore”, ha ricevuto circa 7.800 visualizzazioni.

Questi post educativi facilitano a Criteo la partecipazione in settori specifici.

4. Le persone amano le previsioni e i trend

Ogni volta che facciamo una previsione o elenchiamo i principali trend dell’anno successivo sappiamo che questo avrà un impatto positivo anche sul post. I marketer vogliono sempre restare sempre in evidenza nel settore, quindi non ci ha sorpreso che la Guida alla pianificazione del Digital Marketing per il 2019 diventasse nel 2019 la nostra guida più popolare,e che il post che la accompagnava, “I maggiori 7 trend digitali da tener d’occhio nel 2019”, ottenesse circa 8.400 visualizzazioni.

5. I dati attirano i clic

A nessuno bastano i numeri delle ricerche di Criteo e i suoi dati. Dal momento che effettuiamo moltissima ricerca proprietaria, cerchiamo di fare in modo che essa sia sempre il più possibile interessante e accessibile. Le cifre dei nostri sondaggi presso i consumatori, come “Perché acquistiamo” (vedi più avanti), vengono condivise dai media (stampa, digitale e televisione). Con strumenti interattivi di digital planning, come la Dashboard delle vendite stagionali e Istantanea sullo shopping stagionale, abbiamo destato l’interesse di migliaia di persone su quello che succede durante il picco della stagione delle festività per quanto riguarda le transazioni.

I nostri progetti preferiti del 2019

Per saperne di più su quello che più entusiasmava il team volgendo lo sguardo al 2019, abbiamo chiesto alla Senior Global Content Strategist Michelle Pruett e alla Global Content Strategist Tricia Carr di fare qualche riflessione sui loro tre progetti preferiti.

Michelle Pruett, Sr. Global Content Strategist

 

“Il podcast di Criteo, AdTalk, è stato un ottimo strumento per testare un nuovo format, trovare una nuova audience e stimolare engagement su un nuovo canale. Ci ha permesso di evidenziare voci uniche e punti di vista dell’ad tech, splendide persone del direct-to-consumer come Sézane e Glossier, fino a brand eroici come Bai, cresciuti da piccoli prodotti di nicchia fino a diventare una delle aziende di bevande a più rapida crescita degli USA.

Il podcast ci ha consentito di avere un forum che permettesse alle persone in prima linea di dirci che cosa significavano realmente nella pratica i termini in voga (innovazione, customer-centricity, di rottura…). Gradatamente si è rafforzata la nostra posizione di thought leader.”

Ascolta qui

Perché acquistiamo

“Il nostro sondaggio ‘Perché acquistiamo’, iniziato come un semplice questionario, è cresciuto fino a diventare una ricerca fondamentale del 2019.

I risultati ci hanno sorpreso, specialmente per quanto riguarda i valori del brand e la fedeltà del cliente, e hanno fornito una base solida per presentazioni, contributi e materiali di vendita per tutto l’anno e in tutto il mondo. Le statistiche vengono continuamente citate dalla stampa globale.”

Consulta la ricerca

Programma di contenuti per le festività 2019 

“Da una mappa interattiva contenente i dati su 17 Paesi alle dozzine di blog, report, slide e one-sheet localizzati, la nostra campagna 2019 per le festività è stata un enorme forzo globale, che ha richiesto una stretta coordinazione e molta collaborazione tra i diversi team globali. E i nostri sforzi hanno dato i frutti: a ottobre, il report Criteo sulle festività appariva sulla prima pagina dei risultati organici di ricerca.

A dicembre, il nostro programma di contenuti sulle festività aveva conteggiato quasi 20.000 visualizzazioni su tutti gli asset. Tutto questo è stato il frutto di un enorme sforzo di collaborazione tra i diversi team di ricerca, in campo, di progettazione e marketing. E ne è valsa la pena!”

Visualizza la nostra dashboard interattiva della stagione delle festività

 

Tricia Carr, Global Content Strategist

 

 

“Volevamo che la piattaforma Criteo apparisse accessibile alle piccole aziende che si avvicinano oggi al digital marketing. Ecco perché abbiamo creato una serie di contenuti solo per loro. Abbiamo lanciato un ebook, delle guide rapide, post sul blog e una newsletter via email con semplici strategie per fa passare un numero maggiore di clienti lungo il funnel di vendita, dal momento in cui scoprono il tuo brand al momento in cui effettuano l’acquisto.

Le guide rapide sono state localizzate per otto Paesi e i post del blog globale ha raggiunto il totale di quasi 1.400 pageview.”

Scarica la Guida

Il programma di webinar 2019

“Quando sono entrato in Criteo all’inizio dell’anno, ho accolto con entusiasmo il compito di occuparmi del nostro programma mensile di webinar. Nel 2019, abbiamo ospitato webinar sull’intelligenza artificiale, sulla fedeltà, sul full-funnel marketing, sulle festività e su molto altro ancora. Ma quel che più conta, quest’anno abbiamo modificato la nostra idea sui webinar: non sono solo un affare occasionale.

Stiamo riproponendo altri contenuti di webinar per presentazioni di eventi e servizi per la vendita, e quando abbiamo modificato uno dei nostri popolari webinar sulle festività in un post di blog sullo stile del listicle, abbiamo avuto migliaia di pageview, con il risultato che ha finito per apparire per primo sulla pagina dei risultati di ricerca di Google, presentato con un frammento.”

Guarda i webinar di Criteo qui

Il Criteo Al Lab: Facciamo chiarezza 

Molti marketer sanno che l’intelligenza artificiale è una di quelle cose di cui avranno bisogno nel 2019, ma molti di loro non capiscono bene come funzioni e non conoscono tutti i vantaggi che può offrire loro. Noi di Criteo abbiamo il nostro AI Lab, in cui un team di ricercatori e di ingegneri trascorrono i loro giorni esplorando, testando e mettendo a punto modelli di intelligenza artificiale che presto faranno funzionare la Criteo Ad Platform in modo più rapido e più intelligente.

Dal momento che in Criteo abbiamo questa straordinaria risorsa, volevo creare contenuti che ‘traducessero’ il loro lavoro per il marketer medio, e questi contenuti sono stati tra i più popolari che abbiamo prodotto quest’anno. Al nostro webinar sull’intelligenza artificiale si sono registrati più di 1.000 utenti, e il nostro lungo post del blog sull’argomento ha totalizzato circa 2.000 visualizzazioni.”

Leggi qui il post del blog

2020: L’anno dei contenuti conversazionali

Durante la seconda metà del 2019, il team Criteo per i contenuti ha iniziato a confrontarsi con i team vendite, gli Account Strategist e i creativi dei team commerciali. Volevamo sapere quale tipo di contenuti potevano aiutarli nel loro quotidiano, specialmente quando si trattava di parlare ai clienti, potenziali ed effettivi. Abbiamo creato più di 20 one-sheet specifici alle diverse esigenze di vendita, e non siamo che agli inizi.

Più di trenta sedi in tutto il mondo: la realtà di ogni regione e le modalità di lavoro di ciascun team sono elementi piuttosto complessi. Non vediamo l’ora, il prossimo anno, di ottimizzare tutti i nostri sforzi globali sui contenuti e di focalizzarci sui servizi di vendita e sulla generazione della domanda con nuove modalità.

Abbiamo sempre agito in modo da assicurare a tutto il nostro contenuto una fase successiva. Ogni post di blog indirizza a un elemento circoscritto di contenuto e la promozione di un’email con il relativo contenuto offrirà alle persone maggiori opportunità di saperne di più su Criteo.

Il prossimo anno, il team si occuperà di rendere tali promozioni via email vere conversazioni, con maggiore personalizzazione di ciascun asset scaricato e di quello che ogni lead desidera effettivamente da Criteo.

I buoni contenuti sono la base di ogni buona conversazione. Inoltre, poiché Criteo guarda già al 2020, avremo molto di cui parlare, più ancora di prima. Ci auguriamo che riguardo a quest’anno abbiate tanto entusiasmo quanto ne abbiamo noi!