Seleziona una categoria:

Le 8 tendenze del commercio e del marketing digitale da tenere d’occhio nel 2018

 

Con la fine dell’anno che si avvicina viene spontaneo fare bilanci, ma soprattutto cercare di capire quali saranno i trend che caratterizzeranno il marketing e il commercio digitale nel 2018. Grazie alle nostre relazioni con oltre 17.000 inserzionisti e migliaia di editori siamo in grado di sentire il polso del mercato e capire quali sono le tendenze emergenti.

In un mondo dove tutto si evolve velocemente, non c’è da stupirsi se anche nel commercio stiamo assistendo a cambiamenti molto rapidi e radicali. I dati dei clienti, sia online che offline, sono ormai diventati per retailer e brand la risorsa fondamentale per comprendere e raggiungere in modo efficace gli shopper multicanale.

All’orizzonte vediamo molta innovazione e molti mutamenti, che abbiamo voluto distillare in 8 tendenze principali per il 2018 e che abbiamo raccolto nel nostro report “Commerce & Digital Marketing Outlook”. Trend che i marketer dovrebbero tenere in considerazione per essere pronti ad affrontare le nuove opportunità e sfide.

  1. Lo scontro per i video si fa sempre più duro. I contenuti video catturano sempre di più l’attenzione degli utenti e diventeranno un mezzo strategico per generare conversioni. Questo vale in particolare per la Generazione Z che si affida alle demo video di prodotto per le proprie scelte di acquisto.
  2. Lo shopping diventa vocale. Grazie agli smart speaker e agli assistenti digitali, per fare i nostri acquisti utilizzeremo sempre di più la voce o una combinazione di voce e display. Gli smart speaker – un mercato che sta rapidamente diventando affollato – renderanno le interazioni più facili e frequenti e forniranno dati utili sugli interessi e le preferenze dei consumatori. Dati che permetteranno alle aziende di migliorare la personalizzazione dei servizi esistenti e di fornire ai consumatori altri prodotti e servizi rilevanti.
  3. Il confine tra commerce e social sarà sempre più sottile. Se da un lato Facebook è già presente con Marketplace in numerosi paesi, dall’altro Amazon si sta “socializzando” e ha lanciato Amazon Spark. Questa tendenza alla convergenza fra piattaforme commerce e social sarà sempre più marcata e le aziende dovranno migliorare le proprie capacità di coinvolgere e influenzare i consumatori.
  4. Cresce l’influenza dell’offline sulle vendite online. C’è un nuovo slancio verso i programmi di fidelizzazione, che forniscono dati granulari sugli acquirenti e aiutano i retailer a stabilire connessioni fra dati online e offline. Questo spingerà i retailer a stringere partnership tecnologiche per utilizzare al meglio i dati CRM per coinvolgere i consumatori online con campagne di re-engagement. Inoltre diventeranno sempre più rilevanti servizi per il ritiro negli store di prodotti acquistati online.
  5. Collaborazione fra brand e retailer e condivisione dei dati. Lo studio di Forbes Insights “The Commerce Data Opportunity: Collaboration Levels the Retail Playing” ha rilevato che 3/5 dei retailer fanno già parte di un cooperativa di dati e utilizzano pool di dati condivisi per essere più in sintonia con i consumatori e rimanere competitivi. Condividere gli asset di dati diventerà sempre più un requisito fondamentale per il successo del retail e per ottenere vantaggi competitivi nel mutevole mercato del commercio.
  6. Gli advertiser dedicheranno maggiore attenzione ai feed di prodotto. Da The Shopper Story, una ricerca che abbiamo condotto nel 2017, è emerso che per Millennial e Generazione Z immagini di prodotto più accattivanti, immagini a 360° e demo di prodotto sono i principali fattori di conversione. Di conseguenza, i brand presteranno maggiore attenzione alla gestione del catalogo online e si affideranno a fornitori in grado di creare asset digitali di maggiore impatto.
  7. Il GDPR stimolerà i marketer a comprendere e utilizzare al meglio i dati di cui dispongono. Adempiere al GDPR significherà per i marketer gestire i dati con maggiore attenzione e li incoraggerà a raggiungere il loro pubblico in modo più efficace, con un marketing più personalizzato e pertinente. Sempre dalla ricerca The Shopper Story è emerso che gli acquirenti vogliono sapere come vengono utilizzati i loro dati, ma sono consapevoli che questa pratica può essere vantaggiosa. Ad esempio, apprezzano gli sconti ricevuti sulla base del comportamento di acquisto online.
  8. Aumento di acquisizioni e partnership. Nel 2018 retailer e brand si focalizzeranno su acquisizioni strategiche e partnership per restare competitivi e integrare online e offline. In questo modo saranno anche in grado di rafforzare e far crescere il proprio business.

Le tendenze che abbiamo individuato metteranno brand e retailer di fronte a molteplici sfide, ma siamo certi che le nostre soluzioni metteranno a disposizione numerose opportunità per poter offrire ai clienti esperienze più personalizzate e stimolanti.

Usiamo i cookie per arricchire la tua esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni sui cookie o per rifiutare esplicitamente questi servizi fai riferimento alla nostra politica sulla privacy.

Le impostazioni dei cookie su questo sito Web sono impostate su "consenti cookie" per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui a utilizzare questo sito Web senza modificare le tue impostazioni dei cookie o se fai clic su "Accetto" qui di seguito darai il tuo consenso.

Chiudi