Criteo dimostra che le strategie cross-device personalizzate sono determinanti per catturare gli acquirenti mobile-first

Milano, 9 novembre 2017 – Criteo (NASDAQ: CRTO), azienda tecnologica specializzata in Commerce Marketing, ha presentato i risultati della Global Commerce Review relativa al terzo trimestre del 2017. La ricerca analizza il percorso di acquisto tortuoso degli utenti su numerosi dispositivi, browser e app. Un risultato primario della ricerca evidenzia che i retailer hanno un impatto maggiore sui dispositivi mobili quando rendono disponibili app coinvolgenti e accattivanti e una forte presenza sul web mobile.

“Gli acquirenti di oggi si aspettano che brand e retailer forniscano un’esperienza di acquisto personalizzata nel preciso istante in cui un’interazione è rilevante”, ha dichiarato Alberto Torre, Managing Director, Criteo Italia. “I risultati della nostra Global Commerce Review ribadiscono la necessità che i retailer adottino strategie omnichannel. La ricerca consolida anche il nostro impegno verso il Commerce Marketing Ecosystem di Criteo, grazie al quale le aziende e i retailer possono applicare le grandi quantità di dati raccolti in ogni fase dello shopper journey – su tutti gli schermi e nei negozi – per coinvolgere i clienti in qualsiasi luogo e nel momento in cui risulta più importante”.

Di seguito i risultati principali della ricerca:

La crescita Mobile

I clienti sono costantemente in movimento, sia fisicamente che mentalmente, con brevi interruzioni di attenzione quando sono online. L’acquirente mobile-first sta influenzando le strategie di marketing digitale che aziende e retailer stanno realizzando su tutti i canali.

  • Negli Stati Uniti e in Italia, l’utilizzo del Web mobile ha raggiunto la maturità mentre l’utilizzo dello smartphone è in continua crescita.
  • Negli Stati Uniti, la quota di transazioni effettuate su smartphone è aumentata del 9% rispetto al terzo trimestre del 2016 (App escluse). L’uso del tablet è diminuito leggermente durante lo stesso periodo di tempo, poiché gli schermi degli smartphone continuano a crescere in dimensioni.
  • In Italia, i cambiamenti anno su anno sono ancora più importanti: la quota di transazioni effettuate su smartphone è aumentata del 31,8% rispetto al terzo trimestre del 2016 (app escluse), mentre l’uso del tablet è in caduta libera e segna un -18,5% durante lo stesso periodo di tempo.
  • In Italia, i retailer verticali che hanno registrato la crescita più alta in numero di transazioni mobili rispetto al terzo trimestre del 2016 includono il settore salute/bellezza, con una crescita del 48% e moda/lusso con Il 42%.
  • Il mobile influenza il desktop: Il 31% delle transazioni desktop in Italia è preceduto da un clic su dispositivo mobile

Le opportunità App

I retailer che cercano di competere con i giganti dell’industria possono progettare un’esperienza in-app senza soluzione di continuità per rimuovere le barriere all’acquisto.

  • In tutto il mondo, gli inserzionisti che generano transazioni in tutti gli ambienti (Mobile web + App) vedono più del 50% delle transazioni completate su mobile.
  • Negli Stati Uniti, il 68% di tutte le vendite si svolgono su dispositivi mobili. In-app conta per il 71% delle transazioni mobile per i retailer che generano vendite sia su web mobile che in-app. Per l’Italia la percentuale è del 63%.

I momenti dello shopping

Le tendenze di vendita quotidiane e orarie sottolineano l’importanza della capacità dei retailer di eseguire campagne su tutti gli schermi, tutto il giorno, sulla base dei modelli comportamentali dei loro clienti principali.

  • Mentre la navigazione da desktop regna ancora sovrana durante le ore lavorative giornaliere, la navigazione su smartphone e tablet genera rispettivamente il 37 e il 46 per cento in più delle vendite la domenica.
  • Analogamente, in prima serata, la navigazione da smartphone e tablet genera rispettivamente il 35% e il 47% di vendite in più.

La combinazione di dati

Comprendere un utente attraverso tutti i suoi dispositivi può svelare dove potrebbe andare in base a dove è iniziato il percorso di acquisto.

  • I dati cross-device consentono ai marketer di comprendere l’itinerario tortuoso del cliente. Complessivamente, negli Stati Uniti il 41% delle transazioni desktop post-click proviene da un altro dispositivo, mentre in Italia la percentuale è del 39%.

La combinazione di dati cross-device per capire meglio e identificare l’intenzione dell’utente, consente ai marketer di catturare acquirenti di maggiore valore. Questo è più evidente per i vertical high tech/computing e health/beauty.

L’omnichannel conta

Le vendite online e offline non devono essere valutate in silo. Piuttosto, le vendite offline aumentano la conoscenza del cliente e, a sua volta, i risultati online.

  • I retailer che sono riusciti a combinare con successo dati offline e online sono in grado di applicare più di quattro volte i dati di vendita per migliorare gli sforzi di marketing ovunque nel mondo.

La metodologia di studio

Lo studio ha analizzato più di 5.200 aziende retail a livello mondiale e miliardi di transazioni annuali.

Per approfondire la Global Commerce Review, vai al link: https://www.criteo.com/insights/global-commerce-review-map/

Usiamo i cookie per arricchire la tua esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni sui cookie o per rifiutare esplicitamente questi servizi fai riferimento alla nostra politica sulla privacy.

Le impostazioni dei cookie su questo sito Web sono impostate su "consenti cookie" per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui a utilizzare questo sito Web senza modificare le tue impostazioni dei cookie o se fai clic su "Accetto" qui di seguito darai il tuo consenso.

Chiudi